L'omissione delle sole iniziali

Un esempio di utilizzo pratico delle iniziali"Ubriaco fermato dopo aver causato un grave incidente stradale". "Padre condannato in tribunale per molestie sessuali alla figlia". "Due arrestati per spaccio di droga". 
La "cronaca nera", terreno di prova e di formazione per tanti giornalisti e di vivo interesse per i cittadini, sta cambiando perché - immagino per un malinteso senso della privacy - spesso (e mi sfugge quali siano le regole applicate) i nomi e cognomi dei colpevoli vengono sostituiti con le semplici iniziali, che è come non dare la notizia!
E, tra l'altro, camuffando maldestramente un'identità si consente il giochino del riconoscimento, foriero di calunnie, che è peggiore dell'esatta individuazione della persona interessate.
Sono contrario a questo andazzo perché la diffusione della notizia, nella sua completezza, è un dovere del giornalista e di chi deve fornire loro le notizie, che non deve conoscere ostacoli o omissioni. Limiti che invece giustamente ci sono, garantendo l'anonimato, per le vittime di certi delitti.
Certo è che la diffusione dell'identità di chi ha comportamenti antisociali, specie se accertati in un processo o ancor prima per l'evidenza dei fatti, consente una sanzione sociale che è talvolta più utile della condanna penale. Questo può valere anche per reati di piccola entità, penso ai writer che con le loro scritte danneggiano le facciate dei palazzi, meritevoli di una bella foto segnaletica sul giornale.
Par di capire invece che in certi casi - e anche questa faccenda di "due pesi e due misure" non è chiara - si scelga la logica omissiva e deprecabile delle sole iniziali.

Commenti

Spesso...

il "taglio" della notizia viene letto e, soprattutto, considerato come l'assunto di un precetto bibilico.
Mi spiego meglio: un mio amico subisce un "sinistro" stradale rimanendo leggermente ferito, il colpevole era "anche" ubriaco. Il giornalista, o chi per lui, inverte i ruoli e chi subisce diventa "attore". Ebbene, a casa sua sono arrivate una miriade di "richiami sociali" che neanche la rettifica del giornale ha sedato.
Sapere chi ha avuto comportamenti antisociali è un diritto, ma andrebbe pensato il metodo.

In questo caso...

direi che contava anche l'esattezza della notizia!
Per il resto, come da sempre, le notizie si danno, evitando che capiti di avere alcuni con nome e cognome e altri con le iniziali.

Una notizia è "la" notizia.

Su questo non si dicute, ma anche sul fatto che deve rimanere tale. E in questo modo i nomi e cognomi avrebbero il loro senso.
Con tutto che mi dà fastidio leggere le iniziali (a meno che non si tratti di eventi che ne impongono l'uso).

Registrazione Tribunale di Aosta n.2/2018 | Direttore responsabile Mara Ghidinelli | © 2008-2021 Luciano Caveri