Divide et impera

Non ci sono dubbi sul fatto che io abbia sempre creduto alla ricomposizione del mondo autonomista. Un processo che deve avvenire assecondando un idem sentire popolare che è stufo per due ragioni.
La prima sono le troppe divisioni di chi in realtà crede nei medesimi valori e si è disperso per ragioni comprensibili, ma che possono essere superate con regole democratiche condivise e rispetto del pluralismo.
Bisogna però - secondo punto - anche affrontare in modo sereno la perimetrazione di questo mondo autonomista per evitare quelle incursioni esterne che spesso hanno inquinato le sorgenti.
La posta in gioco non è di poco conto e non riguarda le pur legittime ambizioni personali, ma una progettualità condivisa per il futuro di quel puntino sul mappamondo che è la nostra Valle d'Aosta.
Piccoli come siamo dobbiamo, nel nome del buonsenso, agire insieme con rispetto reciproco e Statuti chiari cui attenersi.
Altrimenti sarà il "divide et impera" di cui godono coloro che all’Autonomia non credono affatto.

Registrazione Tribunale di Aosta n.2/2018 | Direttore responsabile Mara Ghidinelli | © 2008-2021 Luciano Caveri