Il raddoppio del tunnel del Bianco

tmb_interno.jpgPenso che ci sia stato un momento in cui, nella foga costruttiva, ci sia stato il rischio (sventato dal "no" francese e dalla nostra opposizione) di trovarsi con un raddoppio del traforo del Monte Bianco, utile - alla fine - per aumentare i camion in transito.
Per altro nella redditività di un'opera così costosa ci sarebbe da riflettere sul fatto che quote crescenti di merci nel futuro saranno assorbite dai tre nuovi itinerari ferroviari, con nuovi tunnel, del Loechberg-Gottardo, del Brennero e il Torino-Lione, come meglio ho spiegato nel discorso in Consiglio Valle cliccando qui. Investire sulla strada sarebbe illogico e contrario alla politica europea.
Se si volesse intervenire sull'asse stradale, allora diamo un nuovo itinerario alla autostrada Quincinetto-Aosta, infilandola in galleria il più possibile.

Commenti

Vince il treno...

Mio fratello vive a Bologna. In questi giorni segue un lavoro a Milano.
Ovviamente il tragitto si fa con il treno: "Freccia rossa" viaggio di un'ora da centro a centro. Ha dovuto prendere l'auto per rientrare dopo Milano ad Aosta.
Nel viaggio tra Bologna e Milano si è visto superare dal primo treno dopo quaranta minuti di viaggio e poi da un secondo dopo un'ora e mezza, poi c'è stato l'immancabile incidente che ha portato il tempo di viaggio su durate ciclopiche.
Come si può pensare ancora all'auto a discapito del treno per i collegamenti internazionali? Le autostrade sono utili ma il collegamento ferroviario (quello serio) non può mancare e la Valle lo attende da troppo tempo.

Il treno...

Oggi, uscendo dall'intrico delle società delle Ferrovie, bisogna modernizzare la linea, sapendo - come mostra la vicenda dello stop per il by-pass di Chivasso - che da Pont-Saint-Martin a Torino condivideremo sempre i problemi!
Perduta l'occasione ottocentesca di una ferrovia sotto il Piccolo San Bernardo o sotto il Bianco, resta l'ipotesi di un traforo ferroviario verso Martigny, di cui si potrà parlare dopo l'apertura del Gottardo in costruzione.

Registrazione Tribunale di Aosta n.2/2018 | Direttore responsabile Mara Ghidinelli | © 2008-2021 Luciano Caveri