La politica è mobile

La famosa casa di MontecarloMancano ormai poche ore al discorso che Silvio Berlusconi terrà alla Camera dei deputati.
Resta tuttavia un mistero come, alla fine, l'estate burrascosa della politica italiana si concretizzerà in Parlamento, che dovrebbe essere - Costituzione alla mano - il luogo dove si risolvono o meno le crisi politiche.
L'incertezza riguarda il fatto se ci sarà o no un voto di fiducia. Il buonsenso e la prassi direbbero che ciò deve avvenire, l'impressione è che in qualche modo invece la "conta" potrebbe essere rinviata. Inutile esagerare in dietrologie, essendo sufficiente attendere.
Certo è che il passaggio più stretto per il premier è Montecitorio ed è lì che la "campagna acquisti" si è fatta più spregiudicata, impegnando lo stesso Berlusconi in diverse operazioni simpatia, interessandosi anche di cose di cui mai si era occupato.
In Valle questo significa l'interesse crescente per il PdL di entrare in maggioranza, dopo un pressing serratissimo. Circostanza esclusa in casa Union - ne sono testimone - all'epoca delle alleanze con le forze autonomiste per le Europee e per le Comunali.
Ora chissà...

Registrazione Tribunale di Aosta n.2/2018 | Direttore responsabile Mara Ghidinelli | © 2008-2021 Luciano Caveri