E' fiducia!

Silvio Berlusconi dopo la fiduciaIl Governo ha ottenuto la "fiducia" ed è inutile soffermarsi sugli elementi di cronaca, ma vorrei riservarmi un breve commento.
Ho seguito, in parte in radio in parte in televisione, il dibattito parlamentare sulla "fiducia", ricavandone una certa tristezza, specie per la "campagna acquisti" che non svilisce i singoli parlamentari - ognuno con la sua storia e i suoi perché - ma la funzione di parlamentare che giustamente è "senza vincolo di mandato", per cui certi voti sono certo legittimi ma sospetti per i tempi di "conversione".
Un voto di fiducia - contava la Camera, mentre il voto del Senato era ininfluente - atteso da troppo tempo ed è incredibile che l'evidente rottura fra Silvio Berlusconi e Gianfranco Fini, che è il tratto distintivo della crisi nel Centrodestra, si sia sfilacciata per mesi e abbia alla fine preso l'opinione pubblica per sfinimento, come avverrebbe con una partita di calcio che durasse per settimane.
Si è giunti così ad una sfida all'ultimo voto faticosa e anche surreale, perché in una democrazia, in cui certo i voti contano perché per ora non ci sono metodi alternativi, non si può immaginare che la governabilità si giochi al fotofinish. Non si può neppure immaginare che l'appello al buonsenso finisca per essere una logica di bottega miope o forse - peggio ancora - che ci vede benissimo in un intrico di interessi in cui ad una maggioranza debole corrisponda, come in uno specchio deformato, un'opposizione altrettanto debole con i rischi di una sinistra estrema che accenda le piazze e certe manifestazione di queste ore attorno a Camera e Senato sono preoccupanti.
Non resta altro da fare che seguire i prossimi eventi e come federalista lo faccio in modo "zen", sapendo che chi predica una riforma federalista dello Stato lo fa proprio nella convinzione che così non si può andare avanti.

Commenti

Il grande sconfitto...

è senza dubbio Gianfranco Fini che a mio avviso dovrà valutare seriamente se non sia il caso di dimettersi dalla terza carica dello Stato, come da lui stesso paventato in televisione domenica in caso di fiducia al Governo da parte della Camera.
Per Silvio Berlusconi una boccata d'ossigeno con il dilemma se allargare la maggioranza ai centristi di Pierferdinando Casini oppure pilotare da Palazzo Chigi le elezioni politiche anticipate, le terze in cinque anni, l'equivalente di una Legislatura!

Dibattito parlamentare...

Anch'io ho seguito in parte in radio e in parte in televisione il dibattito parlamentare.
Questa sera ho deciso che idealmente attaccherò alla parete del mio ufficio (che non ho) i testi degli interventi di Emma Bonino al Senato e di Maurizio Turco alla Camera.
L'intervento di Bonino è un fiammante esempio dell'equazione "politica = intelligenza"; e che dire del richiamo di Turco al "Manifesto di Ventotene", giusto in riferimento al tema federalista...
Invito tutti alla loro lettura.

Domani li cerco...

grazie!
Sulle previsioni di Geronimo, vedremo...

Ma ci credi veramente?

Sì caro Geronimo, tu credi veramente che il tal Gianfranco Fini si dimetta come promesso, dopo la batosta di ieri?
Mi sembra di ricordare che nell'accalorata autodifesa per l'affare dell'appartamento di Montecarlo abbia affermato solennemente che qualora fosse emersa una pur minima implicazione del cognato nella vicenda si sarebbe dimesso... Appurato con certezza che il cognato è il padrone dell'appartamento, il nostro si è dimesso? Ma manco per la cabeza di una mucca zoppa...
Certo che il senso della dignità costui non sa proprio cosa sia, nemmeno della parola data e non sarebbe un voltaggabana come è, certo che personaggi del genere abbassano ulteriormente, se ce ne fosse ancora bisogno, il livello della res politica nel nostro Paese.

Dalla lettura dei giornali...

di questa mattina ho la certezza che Fini non si dimetterà, non avevo dubbi che il Gianfranco non avrebbe sentito la necessità, ma ancora di più il dovere istituzionale di dimettersi.
Anche il presidente del Consiglio, intervenendo stamattina alla televisione ha preferito non rispondere a precise domande riguardanti Fini e il ruolo super partes che la terza carica dello Stato deve avere. La preoccupazione credo sia maggiore sulla tenuta di "Futuro e Libertà", se è vero che molti stanno meditando il ritorno a casa, passando per la "camera stagna" del gruppo misto...

Penso...

che lo scenario debba essere visto da una prospettiva più vasta, nel senso che la crisi politica ed istituzionale sovrasta i pur evidenti personalismi, che ovviamente restano il "sale" dello scontro politico!

Registrazione Tribunale di Aosta n.2/2018 | Direttore responsabile Mara Ghidinelli | © 2008-2021 Luciano Caveri