Cartoline di vita

Le tessere di un mosaicoLa routine uccide lo spirito d'osservazione. E' solo in certe pause, quando per ragioni varie "stacchi" o meglio riattacchi il cervello, che alla fine ci pensi.
L'altro giorno, in coda per l'ingorgo causato dalla neve, mi sono goduto lo spettacolo, in un momento di schiarita con un raggio di sole, di un gruppo di passerotti che facevano la loro toilette in una pozzanghera sulla strada, sfidando il "via vai" delle macchine.
In una sosta snervante in un aeroporto, ho ammirato una ragazza alta e robusta - direi fiamminga - che, incurante dello stress che l'attorniava, con le cuffiette nelle orecchie, seguiva il ritmo della musica, improvvisando coreografie in mezzo alla folla stranita.
Una donna, che ho visto da una finestra nella pausa di una riunione, che passava da un cassonetto ad un altro - con le mani piene di sacchetti in plastica rigonfi - infilandosi letteralmente dentro i contenitori dei rifiuti con un gesto simile ad un tuffo.
Una lunga attesa in un cimitero di città, con le macchine delle pompe funebri che arrivavano una dietro l'altro ai cancelli, e tu ti concentri sul prete che al momento topico di un'omelia all'aperto scorda il nome dello scomparso e, da vero professionista, lo chiede per poi ripeterlo più volte come per ottenere un'assoluzione.
Non bisogna mai essere come anestetizzati, perché altrimenti ti perdi delle cartoline di vita.
Scriveva Arthur Schopenhauer"Le scene della nostra vita sono come rozzi mosaici. Guardate da vicino non producono nessun effetto, non ci si può vedere niente di bello finché non si guardano da lontano"
Allargare gli orizzonti guardandosi di più attorno a noi e "dentro" la nostra vita.

Commenti

Ghiotto...

di situazioni. Nei gruppi Scout di qundo ero ragazzo, non so se esiste ancora, c'era il "brevetto" (una capacità consacrata da un esame) di "Osservatore". Mi ricordo che lo presi al volo, anzi avevo aggiunto delle cose, durante la prova, che gli esaminatori non avevano neanche considerato.
Amo guardarmi intorno per conoscere e capire. Le sfumature comportamentali mi fanno da maestra e da divertimento.
Mi diventa quasi immediata la creazione di un "cassetto" dei ricordi che, spesso, colora i miei discorsi e gli scritti.
Ma non è una cosa meccanica, come la tradizione fa passare il "gioco di Kim", bensì molto calda e pregna di sensazioni.
Un piccolo esempio? Un giorno, su un muro torinese, mi fermo ad ammirare un bastoncino. Un mio amico mi guarda stranito e si domanda perchè lo stia guardando. Gli faccio notare che non era un bastoncino, bensì l'insetto "Stecco". Lo tocco e lui si muove.
Sorvolo sui commenti del mio accompagnatore.

Registrazione Tribunale di Aosta n.2/2018 | Direttore responsabile Mara Ghidinelli | © 2008-2021 Luciano Caveri