La discussione sul patois

Gli attori valdostani che hanno interpretato le storie della PimpaLa "Pimpa" e gli altri personaggi animati del grande Altan parlano in francoprovenzale, "doppiati" da attori in patois. L'idea è carina e serve di certo ad avvicinare i bambini a questa nostra lingua millenaria, il "valdostano"
Come ho già ricordato, per me è stata una grande soddisfazione il riconoscimento del francoprovenzale nella legge di tutela delle minoranze linguistiche storiche del 1999, quando da Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio - con delega, tra l'altro, sulle minoranze linguistiche - vidi approvata una legge che avevo seguito passo dopo passo nel decennio precedente. Ora, a completamento giuridico, stiamo lavorando su di una norma d'attuazione dello Statuto.
Purtroppo - e lo dico con autocritica - abbiamo avuto tutti la tendenza a delegare la discussione su questa nostra lingua agli ottimi esperti e ricordo fra gli altri l'ayassin Saverio Favre, sagace studioso della materia. 
Mentre, naturalmente, esiste un versante politico che inerisce anche temi non solo tecnici, sintetizzabili nelle questioni di "normalizzazione linguistica" e non mi riferisco solo ad un fatto di grafia. Capisco che il busillis è come destreggiarsi fra la logica di una "koinè" (una lingua omogenea e standardizzata) e la straordinaria varietà locale dei nostri patois la cui uniformizzazione sarebbe un peccato.
Ma il tema politico è quello di come contrastare il rischio di una lingua che per confrontarsi con la società dell'informazione e con gli strumenti di comunicazione di massa deve darsi regole e comprensibilità generale, perché una lingua per resistere non può più contare solo sulla dimensione familiare e comunitaria.

Registrazione Tribunale di Aosta n.2/2018 | Direttore responsabile Mara Ghidinelli | © 2008-2021 Luciano Caveri